ExpiresActive On # Images ExpiresByType image/jpeg "access plus 1 year" ExpiresByType image/gif "access plus 1 year" ExpiresByType image/png "access plus 1 year" ExpiresByType image/webp "access plus 1 year" ExpiresByType image/svg+xml "access plus 1 year" ExpiresByType image/x-icon "access plus 1 year" # Video ExpiresByType video/mp4 "access plus 1 year" ExpiresByType video/mpeg "access plus 1 year" # CSS, JavaScript ExpiresByType text/css "access plus 1 month" ExpiresByType text/javascript "access plus 1 month" ExpiresByType application/javascript "access plus 1 month" # Others ExpiresByType application/pdf "access plus 1 month" ExpiresByType application/x-shockwave-flash "access plus 1 month"

facebook
twitter
youtube
instagram
logocon75
logobianco

Confartigianato Imprese Cremona

Via Rosario, 5 26100 Cremona

tel.  0372598811

fax. 0372598841

P.IVA 80004660199

 

Cookie Policy

Informativa sulla Privacy

logo752

Copyright © 2021 

Confartigianato Imprese Cremona

ARCHIVIO NEWS

Manovra: le agevolazioni per le imprese

11-01-2021 11:59

Ufficio Stampa

Tutte,

Manovra: le agevolazioni per le imprese

Una Manovra segnata da tanti emendamenti proposti da Confartigianato.Apprezzato l’impegno a fornire risposte alla situazione contingente di crisi dell

copertinalbilancio-1610365914.jpg

Una Manovra segnata da tanti emendamenti proposti da Confartigianato.

Apprezzato l’impegno a fornire risposte alla situazione contingente di crisi dell’economia.

Ora bisogna puntare ad irrobustire il sistema dell’impresa diffusa che rappresenta il 99% del sistema imprenditoriale e più di tutti ha sofferto l’impatto dell’emergenza da Covid-19: ‘Piccole imprese’ deve essere la parola-chiave del 2021.

 

«Nella Legge di Bilancio riconosciamo e apprezziamo l’impegno a fornire risposte alla situazione contingente di crisi dell’economia. Ora però bisogna assolutamente recuperare l’ambizione di una visione strategica complessiva per realizzare riforme profonde che valorizzino i punti di forza del Paese e rimuovano le criticità che sopportiamo da anni. ‘Piccole imprese’ deve essere la parola-chiave del 2021. Bisogna puntare ad irrobustire il sistema dell’impresa diffusa che rappresenta il 99% del sistema imprenditoriale e più di tutti ha sofferto l’impatto dell’emergenza da Covid 19, mostrando, comunque, una grande capacità di reazione».

E’ il commento del Presidente di Confartigianato Imprese Marco Granelli sulla Legge di Bilancio approvata definitamente dal Senato.

Il Presidente Granelli sottolinea la necessità di rendere strutturali misure contenute nella manovra, come gli incentivi per la ristrutturazione e la riqualificazione del patrimonio immobiliare, gli interventi per favorire l’accesso al credito e sostenere la finanza d’impresa, i provvedimenti per favorire la formazione professionale dei giovani.

«Per rilanciare il sistema imprenditoriale – fa rilevare ancora il Presidente di Confartigianato – è fondamentale la riduzione della pressione fiscale e del costo del lavoro. Riforme più volte annunciate, ma che oggi devono diventare priorità assoluta, nell’ambito di un piano per utilizzare le risorse del Next Generation EU che punti su investimenti in infrastrutture materiali e immateriali di collegamento delle persone, delle merci e delle informazioni, formazione delle competenze e innovazione digitale, semplificazione normativa, burocratica, fiscale, per liberare finalmente le imprese da adempimenti e costi inutili».

Nel complesso, quindi, la Legge di Bilancio 2021 varata a dicembre 2020 soddisfa Confartigianato Imprese.

Da ricordare che la Legge, e gli otto decreti anticrisi emanati tra marzo e novembre 2020, hanno mobilitato importanti risorse per interventi fiscali (138 miliardi sono la somma degli effetti nel 2020 degli otto provvedimenti anticrisi e nel 2021 della manovra) a favore di imprese e lavoratori.

Provvedimenti fondamentali per il sostegno delle piccole e medie imprese colpite da una crisi di liquidità senza pari. E proprio sulle misure che possono contribuire ad aumentare la liquidità a disposizione delle aziende si è concentrata la Legge di Bilancio 2021: riduzione dell’Iva, esenzione dall’Imu, credito di imposta Formazione 4.0, finanziamento formazione duale, esonero dai contributi previdenziali, crediti di imposta per superbonus, ecobonus e sismabonus, rifinanziamento della Nuova Sabatini, nuove risorse per il Fondo Centrale di Garanzia, per la liquidità, la moratoria legale e il Fondo antiusura. Non mancano le risorse per l’internazionalizzazione delle imprese, per le aziende dell’autotrasporto e anche per tassisti e Ncc.

 

LE SCELTE PER LE IMPRESE

Fondo riforma fiscale: il governo ha istituito un fondo di 8 miliardi di euro per il 2022 e di 7 miliardi per il 2023 per sostenere la crescita delle Pmi attraverso l’alleggerimento della pressione fiscale;

Riduzione del cuneo fiscale: viene disposto a regime, ma previsto solo per il secondo semestre 2020, un ulteriore taglio delle tasse per i lavoratori dipendenti;

Riduzione Iva: sarà fissata al 10% sui piatti destinati alla consegna a domicilio o all’asporto;

Estensione della rivalutazione dei beni di impresa ai beni immateriali: misura che permette alle imprese di allineare i beni di impresa ai maggiori valori di mercato;

Perdita del capitale sociale: la norma evita lo scioglimento delle società in presenza di perdite che, nel corso del 2020, saranno particolarmente pesanti a causa dell’emergenza sanitaria;

Trasmissione dei corrispettivi: migliora il sistema di sanzioni per chi viola gli adempimenti sulla memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi. Una misura di correttezza ed equità;

Esenzione Imu sui territori colpiti dal Sisma 2012: la proroga del pagamento dell’Imposta Municipale Unica è fissata al 31 dicembre 2021;

Proroga rivalutazione di terreni e partecipazioni: è stata fissata una proroga al 2021 e pagamento di un’imposta sostitutiva all’11%. Norma utile perché punta al contenimento degli oneri fiscali;

Credito di imposta Formazione 4.0: a favore delle piccole imprese ci sarà un bonus maggiore (50% delle spese ammissibili nel limite massimo di 300mila euro). Una misura che sostiene la competitività attraverso l’aggiornamento dei collaboratori in un mercato che richiede competenze tecniche sempre più evolute;

Esonero contributivo per l’assunzione di donne: riconosciuto nella misura del 100% dei contributi a carico del datore di lavoro e nel limite massimo di importo pari a 6mila euro annui. Le donne, che più di altre categorie di lavoratori hanno subito la crisi dovuta dalla pandemia, potranno beneficiare di una misura di carattere strutturale;

Finanziamento formazione nel sistema duale e negli Its: si incrementano i fondi per l’alternanza scuola-lavoro (incremento di 55 milioni per il 2021 e 50 milioni per il 2022) e per gli Istituti Tecnici Superiori (incremento di 20 milioni per il 2021). Misura che punta a ridurre il gap tra scuola e impresa e sostiene gli strumenti cardine che permettono ai giovani di entrare in azienda con una preparazione adeguata alle richieste del mercato;

Fondo esonero contributi previdenziali: la misura permette di ridurre gli effetti negativi causati dal Covid-19 sul reddito dei lavoratori autonomi e dei professionisti per favorire la ripresa della loro attività;

Integrazione salariale: i Fondi di solidarietà bilaterale, tra cui Fsba, saranno rifinanziati per garantire alle piccole e medie imprese risorse per poter reggere alla crisi economica. Le risorse, però, dovranno essere trasferite il più velocemente possibile ai Fondi per garantire i pagamenti alle imprese con la massima tempestività;

Esonero contributivo ai datori di lavoro che non richiedono integrazione salariale: ancora 8 settimane, da usare entro il 31 marzo 2021. Una misura che permette di ridurre il costo del lavoro a favore dei datori che non ricorrono agli ammortizzatori sociali;

Fondo per il sostegno dell’impresa femminile: 20 milioni di euro, per ciascuno degli anni 2021 e 2022, per promuovere e sostenere l’avvio di nuove imprese femminili e rafforzare la struttura patrimoniale di quelli che già ci sono;

Attività di venture capital per progetti di imprenditoria femminile ad alta innovazione: rifinanziato il fondo con 3 milioni di euro per il 2021. Si punta sulle donne e sulla tecnologia;

Superbonus, Ecobonus e Sismabonus: proroga al 30 giugno 2022 degli interventi individuati dall’articolo 119 del DL 34/2020 (Rilancio). Per condomini e IACP per i quali alla data del 30 giugno 2022 siano stati effettuati lavori per almeno il 60%, la detrazione del 110% spetta anche per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022. Le norme introducono inoltre diverse modifiche alla disciplina vigente al fine della semplificazione e interpretazione per l’identificazione di procedure e tipologie di edificio considerate. Confartigianato Imprese. chiede un ulteriore ampliamento a tutto il 2023 della durata dei bonus per dare a cittadini e imprese la certezza di un tempo ragionevole per programmare ed eseguire gli interventi;

Bonus verde: prorogato per l’anno 2021. Le imprese del verde avranno più tempo a disposizione, ma Confartigianato ha chiesto un allungamento del periodo di proroga;

Nuova Sabatini: rifinanziata la misura che permette di versare l’intera somma del finanziamento alle imprese che lo richiedono. Si punta sulla semplificazione, perché la misura è un fra le più efficaci e apprezzate dai piccoli imprenditori;

Fondi per Pmi creative e cinema: questi settori, colpiti particolarmente dalla crisi pandemica, avranno a disposizione due Fondi per poter contenere gli effetti negativi delle restrizioni imposte dall’emergenza sanitaria;

Crediti di imposta per cuochi professionisti (40% delle spese per l’acquisto di beni strumentali durevoli) e aggregazioni aziende agricole e agroalimentari: (40% per il rafforzamento strutturale e tecnologico e il commercio elettronico): sono misure che favoriscono lo sviluppo delle imprese a valore artigiano della filiera agroalimentare, aumentandone le competenze, favorendone l’evoluzione tecnologica e irrobustendone la struttura produttiva;

Fondo Centrale di Garanzia (Fcg), credito imprese e moratoria legale: il primo vedrà l’allungamento a 15 anni delle operazioni finanziarie ammissibili alla garanzia del Fcg entro i 30mila euro; il Fondo di Garanzia Pmi sarà rifinanziato con un incremento – dal 2022 al 2026 – di 4 miliardi di euro; per sostenere la liquidità delle imprese ci sarà la proroga al 30 giugno 2021 delle misure già previste dal Decreto Liquidità; la moratoria legale sarà prorogata fino al 30 giugno 2021;

Estensione operatività Fondo prevenzione usura: i Confidi potranno usare questi fondi per erogare credito direttamente alle imprese, ampliando le finalità e semplificando le modalità di utilizzo del fondo antiusura;

Crediti di imposta Piano Transizione 4.0: proroga a tutto il 30 giugno 2023 e aumento della intensità di aiuto delle agevolazioni concesse. Anche in questo caso, viene dato più tempo alle Pmi per scommettere sull’innovazione e sul cambio di passo tecnologico;

Trasporto merci di prossimità con cargo-bike: credito di imposta per le microimprese e piccole imprese che svolgono trasporto merci urbano. Importo massimo annuale di 2mila euro per ciascuna impresa. Misura che sostiene la diffusione delle piccole attività imprenditoriale e, nello stesso tempo, le modalità di trasporto merci a zero impatto ambientale;

Revisori auto: adeguamento della tariffa. Misura che sostiene i centri di controllo e incentiva l’attività di revisione, per garantire la sicurezza degli utenti e della circolazione stradale;

Risorse traporto scolastico locale: ne sono interessati anche i tassisti e il servizio di Noleggio con conducente. Regioni e Comuni potranno usare le risorse del Fondo a disposizione per il trasporto scolastico ricorrendo anche a taxi e Ncc;

Internazionalizzazione delle imprese: incrementato il fondo per i finanziamenti a tasso agevolato alle imprese che internazionalizzano. Risorse che puntano ad accompagnare gli imprenditori sui mercati esteri con tutto ci che serve: studi di fattibilità export; spese per ufficio, show room, negozio o corner; programmi di assistenza tecnica; partecipazione a fiere; patrimonializzazione delle Pmi esportatrici;

Misure per l’autotrasporto: si confermano le riforme strutturali, la sterilizzazione degli aumenti delle accise della benzina e del gasolio anche per il 2021, il Fondo per il rinnovo del parco veicolare merci e gli incentivi per l’intermodalità. Risorse che puntano anche alla formazione e all’innovazione per affrontare la competizione internazionale.

ARCHIVIO